F.A.Q. Rispondiamo alle Vostre domande

Domande generiche
Sì è possibile effettuare gli acquisti anche il contrassegno, ma ha un costo aggiuntivo di 5.00 + iva.
Per importi superiori a 300 euro il pagamento al corriere dovrà essere effettuato esclusivamente tramite assegno circolare Bancario.
Assolutamente sì. E' possibile acquistare online anche come privato.


Domande su prodotti specifici
Il problema potrebbe essere la resistenza dell'MDF in caso che gli inserti debbano fare sforzi in trazione.
Può utilizzare il collante Loxeal IS47 gel o il collante Epox Loxeal 31-42. Entrambi trasparenti.

Occorre fare una prova per verificare quale dei 2 sia più vicino alle sue esigienze.
La parte in alluminio occorre pulilirla e sgrassarla magari con loxeal pulitore 10 spray e il legno ben pulito dalle polveri.
Sì il prodotto è idoneo anche su carta catramata.
Infatti l'impermeabilizzante Rubson SL3000 è ideale per tetti e coperture anche inclinate Bituminose, acriliche, canadesi e poliuretaniche.

E' ottimo anche per riprazioni o perdite di giunti delle grondaie e lucernai. Su fioriere e giardini pensili.
Per la protezione da ammoniaca e nicotica il filtro che può essere idoneo è il 3M 6059.
Se vi dovesse essere anche la presenza di polveri può essere combinato con il filtro 3M 5935.

La maschera 3M 6800 a pieno facciale è idonea per la protezione dell'intero viso. Se dovesse avere la necessità di far arrivare aria più fresca da respirare all'operatore durante il lavoro può valutare il sistema 3M S-200 con il sistema di filtrazione 3M Air-Care.

Le ricordo che comunque è indispensabile la valutazione dei rischi da parte di personale competente direttamente presso il luogo di lavoro per valutare al meglio i sistemi di protezione più idonei.

maschera 3M 4251 circa 2 ore al giorno, quindi ogni quanto tempo devo cambiarla piu o meno? La uso per vernice catalizzata con diluente nitro.
Grazie Manolo

La durata è difficile stabilirla perchè è necessario valutare la concetrazione dell'inquinante da filtrare nell'ambiente al momento dell'utilizzo, il ritmo respiratorio, l'umidità dell'aria: è quindi una componente variabile difficilmente calcolabile.

Certamente è sempre necessaria effetuare un'attenta valutazione dei rischi da parte dei responsabili della sicurezza preposti. In generale per verificare lo stato di efficienza del dispositivo e quindi pensare alla sostituzione, un segnale da tenere in considerazione è la senzazione di "sapore in gola" dei diluenti. In quel momento è necassaria sicuramente la sostituzione.

Un'altro aspetto per allungare la durata del DPI è quello di conservare la maschera dopo l'utilizzo all'interno della confezione originale.
Se nell'utilizzo di respiratori, qualunque sia la marca, si appannano gli occhiali è necessario verificare come è indossato il dispositivo. Se indossato correttamente l'aria espirata non deve uscire dai bordi della maschera.

La 3M nella realizzazione di tutte le maschere utilizza dei sistemi e dei materiali per cui l'aderenza con il viso risulti perfetta, perché è l'unico modo per garantire che la filtrazione. Infatti se ciò non avviene l'aria passa tra la maschera ed il viso rendendo inutile il DPI.

Spesso vedo tanti operatori che non indossano i 2 elastici della maschera ma solo quello superiore, oppure tali elastici non stretti: devono essere tensionati ed indossati per avere una chiusura ermetica e garantire la protezione.

Esistono anche delle prove per verificare che il DPI sia indossato correttamente. Queste verifiche sono indispensabili per garantire la protezione all'operatore.

Comunque possiamo fornire anche gli occhiali antiappannati come per esempio 3M2720 e 3M2750.
Nella scelta della cuffia deve confrontare i valori di abbattimento del dispositivo e verificarne, secondo le modalità previste nel DM 2 maggio 2001 e nella UNI 9432: 2008 - Esposizione al rumore nell'ambiente di lavoro, l'idoneità al tipo ed alla intensità del rumore.

Normalmente per questi valori vengono forniti dai fabbricanti di macchine e le trova nel libretto fornito con l'utensile. Potrebbe essere opportuno fare una verifica con dei fonometri certificati per stabilire il livello sonoro a cui gli operatori sono sottoposti durante il lavoro.
Nella gamma prodotti 3M esistono delle maschere specifiche per i saldatori.
I fumi di saldatura infatti sono pericolosi perché oltre ad essi nel processo si sprigionano gas come l'ozono ed odori molto fastidiosi, quindi le normali maschere con fattore di protezione P2 potrebbero risultare non sufficienti.

La maschera 3M 9925 le può fornire un'ottima protezione per tutte le problematiche.